collegio san paolo

Home / Verbum Domini

Verbum Domini

martedì della IV settimana di Pasqua

05/05/2009

Gv 10,22-30
Ricorreva in quei giorni a Gerusalemme la festa della Dedicazione. Era d’inverno.
Gesù passeggiava nel tempio, sotto il portico di Salomone. Allora i Giudei gli si fecero attorno e gli dicevano: “Fino a quando terrai l’animo nostro sospeso? Se tu sei il Cristo, dillo a noi apertamente”.
Gesù rispose loro: “Ve l’ho detto e non credete; le opere che io compio nel nome del Padre mio, queste mi danno testimonianza; ma voi non credete, perché non siete mie pecore. Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io dò loro la vita eterna e non andranno mai perdute e nessuno le rapirà dalla mia mano. Il Padre mio che me le ha date è più grande di tutti e nessuno può rapirle dalla mano del Padre mio. Io e il Padre siamo una cosa sola”.
 
Come vivere questa Parola?
Siamo ancora dentro la simbologia, ricca e profonda, del pastore. E ritorna un verbo che è pregnante nel suo significato: il verbo conoscere e, subito dopo, il ‘seguire’. Ma che significa, per noi oggi, ascoltare la voce del pastore? Chiaramente Gesù allude non tanto all’emissione della voce quanto al suo contenuto che è la Parola: la sua Parola che ancor oggi, tramite la Sacra Scrittura (e specialmente il vangelo) ci raggiunge e ci penetra. Dio ci penetra in rapporto al verbo che sta prima: ASCOLTANO. E si tratta proprio di quell’esercizio antichissimo e vitale che è quello della Lectio Divina. Ti metti quieto, in un angolo appartato e silenzioso, invochi lo Spirito e poi ascolti la Parola che vieni leggendo. Ed è come dire: non permetti che scivoli via, ma mediante l’ascolto attento e irrorato dallo Spirito Santo, la lasci penetrare nel cuore. È lì dove avviene quel processo di conoscenza che non è tanto esercizio della mente ma, appunto, del cuore. Lasciando che la Parola penetri in te, tu conosci il Signore, conosci il tuo cuore (come dice S.Gregorio Magno) e il Signore ti conosce nel senso che lo lasci libero di penetrarti, di provocarti, di possederti. La ‘sequela’, cioè la vita modellata dalla sua Parola, viene subito dopo.
Il mio esercizio contemplativo, oggi, è proprio questo stare un poco in ascolto. Devo proprio trovare il tempo per entrare in questa quiete che, tra l’altro, mi giova a tutti i livelli: anche a quello psico-fisico. Ascolto la Parola di vita che Gesù, nel vangelo, pronuncia oggi per me. La respiro, la vivo.

Signore, concedimi un cuore che, fuori dallo stordimento di tante voci, sa ascoltare la tua voce.

La voce di un dottore della Chiesa
Nutri la tua anima con la lettura biblica: essa ti preparerà un banchetto spirituale.
S. Agostino
Monastero Sacrocuore
 

Calendario

L'avvento del Signore Gesù Cristo

<dicembre 2021>
lunmarmergiovensabdom
293012345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112
3456789

Notizie

» leggi tutte