collegio san paolo

Home / Verbum Domini

Verbum Domini

Sabato S. Norberto (mf) 9.a tempo ordinario - I

Letture: Tb 12,1.5-15.20; Tb 13; Mc 12,38-44 - Benedetto Dio che vive in eterno

05/06/2015

PREGHIERA DEL MATTINO
Santissima madre di Dio, in questo giorno della settimana in cui ti onoriamo, riconosco il tuo viso in quello della vedova che ha dato tutto quanto possedeva per amore di Dio. Prega per me, perché io impari a fare lo stesso, non tenendo nulla per me. So che ciò mi sarà difficile. Con l'esempio della tua grande fede, ricordami che non affido la mia vita alle mani degli scribi, ma a quelle del Signore, che ci dà in cambio tutto ciò di cui potremmo avere bisogno e ancora molto di più.

ANTIFONA D'INGRESSO
Volgiti a me, Signore, e abbi misericordia, perché sono triste e angosciato; vedi la mia miseria e la mia pena e perdona tutti i miei peccati. (Sal 25,16.18)

COLLETTA
O Dio, che nella tua provvidenza tutto disponi secondo il tuo disegno di salvezza, allontana da noi ogni male e dona ciò che giova al nostro vero bene. Per il nostro Signore Gesù Cristo...

PRIMA LETTURA (Tb 12, 1.5-15.20)
Io torno a colui che mi ha mandato; voi benedite il Signore.
Dal libro di Tobia
In quei giorni, Tobi chiamo a se il figlio e gli disse: «Che cosa possiamo dare a questo santo uomo che e venuto con te?». E, avendolo chiamato, il padre e il figlio lo presero in disparte e cominciarono a pregarlo di gradire la metà di tutto quanto avevano portato [dal viaggio].
Allora l'angelo disse loro in segreto: «Benedite il Dio del cielo e lodatelo davanti a tutti i viventi, perché egli ha usato con voi la sua misericordia. E' bene tenere nascosto il segreto del re; ma è degno di lode rivelare e proclamare le opere di Dio. Buona cosa è la preghiera unita al digiuno, e assai meglio è fare l'elemosina che accumulare tesori; l'elemosina infatti libera dalla morte, purifica dai peccati e fa trovare la misericordia e la vita eterna. Quelli che commettono il peccato e l'iniquità sono nemici della loro stessa vita. Ora dunque vi manifesto la verità e non vi terrò più nascosto questo mistero. Quando tu pregavi piangendo e seppellivi i morti, quando lasciavi il tuo pranzo e di giorno tenevi nascosti i morti nella tua casa per seppellirli di notte, io presentai le tue preghiere al Signore.
E proprio poiché tu eri gradito a Dio, fu necessario che la tentazione ti mettesse alla prova.
Ora il Signore mi ha mandato a guarire te e a liberare dal demonio Sara, la sposa del tuo figlio. Io sono l'angelo Raffaele, uno dei sette che stiamo davanti al Signore.
E' ormai tempo che io torni a colui che mi ha mandato; voi dunque benedite Dio e fate conoscere tutte le sue meraviglie».
Parola di Dio.

SALMO RESPONSORIALE (Da Tb 13,2.6-8)
R. Benedetto Dio che vive in eterno. 
E' il Signore che punisce e che salva, 
che fa scendere all'abisso e ne fa risalire; 
nessun vivente sfugge alla sua mano. R. 
Contemplate quel che Signore ha fatto per voi,
e ringraziatelo con tutto il vostro cuore; 
con la vostra vita esaltate il Re dei secoli. R. 
Dalla terra del mio esilio io gli dò lode,
e manifesto la potenza del suo amore,
la sua grandezza a un popolo di peccatori. R. 
Ritornate a Dio, voi che da lui vi siete allontanati;
operate la giustizia davanti al Signore 
ed egli ancora vi userà misericordia. R.

CANTO AL VANGELO (cf. Mt 5,3)
R. Alleluia, alleluia.
Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
R. Alleluia.

VANGELO (Mc 12,38-44)
Questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri.
Dal Vangelo secondo Marco
In quel tempo, Gesù [nel tempio] diceva alla folla nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa».
Seduto di fronte al tesoro, osservava come la folla vi gettava monete. Tanti ricchi ne gettavano molte. Ma, venuta una vedova povera, vi gettò due monetine, che fanno un soldo. 
Allora, chiamati a sé i suoi discepoli, disse loro: «In verità io vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. Tutti infatti hanno gettato parte del loro superfluo. Lei invece, nella sua miseria, vi ha gettato tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere».
Parola del Signore.

OMELIA
Il giovane compagno di Tobia nel viaggio a Media svela la sua persona e giustifica la sua presenza nelle vicende di due famiglie provate dal dolore. Dice a Tobi: Sappiate dunque che quando tu e Sara eravate in preghiera, io presentavo l'attestato della vostra preghiera davanti alla gloria del Signore". Come premio quindi delle opere buone di Tobi e delle preghiera fervente di Sara, il lieto epilogo delle due vicende. Siamo certi che nulla si perde dinanzi al Signore di quanto facciamo nel suo nome e nel compimento della sua volontà. Questa si adempie, ci dice il vangelo, non tanto nelle grandi manifestazioni di orgogliosa ricerca di vanagloria, come facevano gli scribi e i farisei, ma nella misura in cui sappiamo privarci anche della cose necessarie per compiere un gesto di generosità a gloria di Dio e a vantaggio del prossimo. La piccola offerta, tutto quello che aveva, gettata nel tesoro del tempio dalla vedova vale più delle molte monete gettatevi dai ricchi. Il grandezza del dono si misura dal sacrificio e dalle disposizioni del donatore. (Padri Silvestrini)

PREGHIERA SULLE OFFERTE
Fiduciosi nella tua misericordia, Signore, ci accostiamo con doni al tuo santo altare, perché il mistero che ci unisce al tuo Figlio sia per noi principio di vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

ANTIFONA ALLA COMUNIONE
Dice il Signore: "In verità vi dico: tutto quello che domandate nella preghiera, abbiate fede di averlo ottenuto e vi sarà accordato". (Mc 11,23.24)

PREGHIERA DOPO LA COMUNIONE
O Padre, che ci hai nutriti con il corpo e il sangue del tuo Figlio, guidaci con il tuo Spirito, perché non solo con le parole, ma con le opere e la vita possiamo renderti testimonianza e così entrare nel regno dei cieli. Per Cristo nostro Signore.

PREGHIERA DELLA SERA
Gesù maestro, questa sera mi inginocchio ai tuoi piedi e riconosco i miei peccati. Avevo intenzione di metterti al primo posto, invece prima di te ho posto me stesso. Mi sono preoccupato di quello che gli altri avrebbero potuto pensare di me, invece di preoccuparmi di quello che tu potevi pensare di me. Ho divorato tutto ciò che mi è stato offerto, invece di nutrire altre bocche affamate. Se non fosse per il tuo sguardo, giusto, buono e misericordioso, vorrei morire. Ora ti supplico: come tu risorgi dalla tomba in cui ti hanno spinto i miei peccati, fa' rinascere anche me, perché domani possa ricominciare di nuovo.

Calendario

Mese Missionario e del Rosario

<ottobre 2021>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567

Notizie

» leggi tutte